Alessandra Gnutti
Storia e Misteri dell’Isola Borghese
Borghese, Garda’s magical and mysterious island


Collana: La Nostra Terra Arte, Storia, Uomini, Paesi
form. cm 17,5 x 24,5 - pp. 65
Anno di pubblicazione: 1988
ISBN 978-88-7506-147-0
Prezzo: euro 30,00
Disponibilità: Disponibile

Posta di fronte a S. Felice e dominata dall’alto dalla Rocca di Manerba, l’Isola di Garda o Isola Borghese (dal nome degli attuali proprietari) è con i suoi 1100 metri di lunghezza la maggiore isola del lago di Garda.
Splendida quando riappare dopo un fortunale, l’Isola si è circondata nei secoli di molte leggende. Così scriveva con meraviglia il Grattarolo, nel XVI secolo:
“Alcuni studiosi, disiando sapere quanto ci fosse profonda l’acqua (che è fama che ci sia profondissima) con una corda calarolo giù uno, che facea professione di star sotto...: il quale quando fu disceso per buona pezza, diede segno che lo trassero. Lo trassero mezzo morto dallo spavento, e tosto ch’ebbe detto aver veduto sotto l’Isola in alcune caverne oscurissime certi pesci, o più tosto certi Mostri smisurati, e deformissimi finì di morire. Ci sono ancora frati che dicono aver notato sotto acqua ne tempi de gran caldi, e averci veduto di quei Mostri, e essersene spaventati talmente, che non hanno più osato tornarci.
Non voglio restar di dire che alcuni di medesimi frati pertinacemente affermano averla veduta crollare, battuta dalla furia delle onde, e di venti dell’Aquilone”.
Si narra che S. Antonio di Padova si recasse sull’isola, abitata dai frati per lungo tempo, per ristorare il suo spirito dopo le fatiche apostoliche. E pare che anche Dante durante la sua permanenza nel veronese attorno al 1304 abbia visitato l’isola parlandone in tre oscuri versi del XX canto dell’Inferno...

Traduzione inglese a cura di Peter Miller.

home | Collana / Section | Indice / Index | Cerca / Search
Informazioni per l'ordinazione | Ordering info

 


©2017 Sardini Editrice srl